Benessere e salute uditiva

Per preservare la salute dell’orecchio stop alla troppa pulizia

By 17 Settembre 2020 Settembre 23rd, 2020 No Comments

Per preservare la salute dell’orecchio stop alla troppa pulizia
Per scongiurare l’insorgere di infezioni e malattie dell’orecchio, è bene prendersi cura del condotto uditivo attraverso uno stile di vita sano e buone abitudini quotidiane.
Volendoci focalizzare, nello specifico, sul tema dell’igiene e della pulizia, abbiamo già parlato di quali sono i metodi giusti e sbagliati per pulire le orecchie.
Qui di seguito, invece, ci concentriamo sul perché è importante non eccedere nella troppa pulizia dell’orecchio e sulle complicanze che un igiene esagerato può causare.

Il sistema fisiologico di autopulizia dell’orecchio

Sebbene possa sembrare strano, le orecchie sono perfettamente autosufficienti in tema di igiene. Il condotto uditivo attiva infatti un proprio sistema fisiologico di autopulizia attraverso il quale elimina il cerume in eccesso, che può depositarsi all’interno del canale.

Ciò che, attraverso l’igiene quotidiana, possiamo fare noi è pulire con cautela la parte più esterna dell’orecchio, senza addentrarci nella parte media o interna rischiando di lesionarla attraverso l’utilizzo di strumenti non indicati o effettuando movimenti sbagliati.

Perché la troppa pulizia danneggia l’orecchio

L’apparato uditivo è particolarmente delicato nella sua anatomia e un igiene eccessivo può causare infezioni come l’otite esterna o la perforazione del timpano.
Nella maggior parte dei casi si tratta di problematiche nel tempo risolvibili ma che provocano comunque un forte dolore all’orecchio e altre complicanze tra cui un abbassamento dell’udito più o meno accentuato.

Cercare di rimuovere autonomamente il cerume, ad esempio inserendo nel condotto uditivo bastoncini di cotone, può provocare l’effetto contrario: un accumulo in profondità con conseguenze molto fastidiose.
Il cerume è infatti una sostanza prodotta all’interno del cavo uditivo per proteggerlo da possibili minacce batteriche e il corpo umano è perfettamente autosufficiente nel rimuoverlo se in eccesso.
Di conseguenza, una pulizia dell’orecchio esagerata può causare anche la rimozione della quantità di cerume fisiologicamente necessaria al condotto uditivo per proteggersi, con conseguente alterazione delle difese naturali dell’orecchio e una maggiore esposizione alle infiammazioni batteriche e alle infezioni fungine.

Inoltre, l’utilizzo di cotton fioc può involontariamente spingerci a perforare la membrana timpanica con conseguenti calo dell’udito, vertigini e la probabilità di soffrire di acufene.

Le regole da rispettare per una corretta igiene dell’orecchio

Per garantire una corretta igiene dell’orecchio senza correre il rischio di lesionare il timpano o di alterare le sue difese naturali, è bene:
1. preoccuparsi di tenere pulita la parte più esterna dell’orecchio (padiglione auricolare) rimuovendo con il semplice movimento del dito, o con l’ausilio di un panno umido, il cerume che si deposita sulla sua superficie;
2. evitare la pulizia delle parti più interne del condotto uditivo che si igienizzano in maniera completamente autonoma;
3. non utilizzare cotton fioc che possono danneggiare la parte più interna dell’orecchio;
4. asciugare sempre l’interno delle orecchie dopo la doccia, per evitare che residui di acqua si depositino nel canale;
5. ruotare la mandibola in modo circolare più volte al giorno per favorire la fisiologica eliminazione del cerume in eccesso dall’orecchio.