Audibel informa

5 controlli da fare sugli apparecchi acustici per una corretta manutenzione

By 19 Maggio 2020 Settembre 28th, 2020 No Comments
Come fare manutenzione agli apparecchi acustici

La manutenzione degli apparecchi acustici è indispensabile per la durata e il corretto funzionamento di questi dispositivi. Tuttavia, in questo periodo di pandemia, soprattutto le persone anziane devono evitare di uscire di casa per non rischiare di contrarre il virus e quindi anche gli appuntamenti con gli audioprotesisti dovrebbero essere ridotti ai casi davvero urgenti. Ecco allora cinque controlli da fare da soli in casa per prevenire problemi agli apparecchi acustici e garantirsi una buona qualità di ascolto.

#1 – Pulire degli apparecchi

La prima cosa da fare per prevenire malfunzionamenti è pulire quotidianamente l’apparecchio acustico. Il 60% dei problemi di questi dispositivi è dovuto all’accumulo di cerume che ne impedisce un corretto funzionamento; questo problema può essere risolto in casa, basta pulire tutte le mattine l’auricolare con un panno asciutto. È preferibile farlo la mattina, in modo che il cerume si secchi e venga via più facilmente.

#2 Controllare la batteria

Se l’apparecchio inizia a funzionare male o smette di funzionare, la causa potrebbe essere la batteria scarica. In questo caso è sufficiente sostituirla o, nei casi di apparecchi acustici ricaricabili, provare a ricaricare il dispositivo. Se, nonostante questi accorgimenti, l’apparecchio ancora non funziona, sarà necessario prendere appuntamento con l’audioprotesista di fiducia per capire la natura del problema.

#3 - Evitare il contatto con l’acqua

L’acqua e l’umidità possono causare seri danni all’apparecchio acustico. Prima di fare una doccia o un bagno, bisogna ricordarsi di rimuovere il dispositivo dalle orecchie, senza però lasciarlo in bagno: il vapore acqueo potrebbe danneggiarlo e sarebbe più facile farlo cadere accidentalmente nel water o nel lavandino. Meglio riporre il dispositivo nella sua custodia in un posto asciutto e sicuro e indossarlo solo quando le orecchie saranno perfettamente asciutte.

#4 - Prevenire i danni accidentali

Molte operazioni di manutenzione agli apparecchi effettuate dagli audioprotesisti sono dovute a rotture a seguito di cadute o danni accidentali. Certo in alcuni casi è inevitabile che ciò accada, ma è possibile evitare molti danni semplicemente avendo maggiore cura del proprio dispositivo. Ad esempio, proteggerlo con una fascia o bandana quando si fa sport, riporlo sempre nella sua custodia quando non in uso e non lasciarlo incustodito in giro per casa, a portata di bambini e animali.

#5 – Fare la manutenzione periodica

Un altro motivo per cui gli apparecchi iniziano a funzionare male è il mancato controllo periodico che andrebbe effettuato dopo l’acquisto. Si pensa erroneamente che dopo la prima visita non sia più necessario fare ulteriori accertamenti, ma questo assunto è del tutto sbagliato: a distanza di alcuni mesi, l’audioprotesista deve poter regolare l’apparecchio sulla base delle capacità uditive del paziente, che nel frattempo potrebbero essere cambiate. È quindi essenziale fissare degli incontri periodici per controllare l’apparecchio e il suo effettivo funzionamento sulla base delle esigenze specifiche di ciascuna persona.