Audibel informa

Pile degli apparecchi acustici: cosa c’è da sapere

By 10 Ottobre 2019 No Comments
Pile per apparecchi acustici: cosa sono e quanto costano

Gli apparecchi acustici durano per molti anni, ma non si può dire la stessa cosa delle batterie, che invece vanno cambiate frequentemente. È facile sentirsi spaesato nella scelta di quali acquistare, per cui abbiamo stilato un elenco delle domande più frequenti che riguardano la sostituzione, l’acquisto e le misure delle pile degli apparecchi acustici.

#1 - Come e quando vanno sostituite?

Le batterie vanno sostituite quando sono scariche. È possibile rendersi conto da soli di quando questo accade, perché l’apparecchio acustico inizia a funzionare meno bene e la qualità del suono che percepiamo diminuisce. In pratica, quando iniziamo a sentire suoni troppo deboli e distorti, è arrivato il momento di cambiare le batterie. In ogni caso la gran parte degli apparecchi avvisa con un segnale sonoro quando è arrivato il momento della sostituzione.

#2 - Quanto durano?

La durata della batteria dipende da alcune variabili:

  • Tipo di conservazione. Le batterie nuove possono essere conservate per molto tempo: se lasciate nella loro pellicola perdono solo il 3% di energia in un anno.
  • Frequenza e modalità di utilizzo. Se l’apparecchio è usato tutto il giorno e al massimo delle sue funzionalità, si scaricherà più frequentemente, se invece vi ricordate di spegnerlo quando non in uso e ne usate solo alcune funzioni, le pile dureranno molto di più.
  • Più le batterie sono grandi, più la loro durata aumenta, per apparecchi di piccole dimensioni sarà quindi necessaria una sostituzione più frequente.

In linea generale, le batterie durano circa dieci giorni, ma la loro durata dipende anche dal modello di apparecchio su cui sono montate.

#3 - Come si può prolungarne la durata?

La durata di una batteria può essere prolungata avendo alcune piccole accortezze nel loro uso:

  • Spegnendo l’apparecchio quando non in uso, ad esempio durante la notte o in altri momenti della giornata;
  • Conservando le batterie in maniera corretta, lasciando intatta la loro pellicola protettiva e tenendole in luoghi freschi e asciutti. L’umidità può infatti compromettere le sue prestazioni;
  • Togliendo la batteria dall’apparecchio, se non viene usato per diversi giorni.

#4 - Di che materiale sono fatte?

Le pile per apparecchi acustici sono chiamate anche “batterie zinco-aria”, in quanto rilasciano la loro energia solo nel momento in cui lo zinco contenuto al loro interno entra in contatto con l’ossigeno presente nell’aria. Per questo mantengono la loro carica quasi inalterata se restano conservate dentro la loro pellicola protettiva, che evita il contatto con l’aria. Queste batterie sono meno dannose per l’ambiente rispetto alle precedenti, che contenevano mercurio, e sono adatte a tutti i modelli di apparecchi acustici digitali.

#5 - Sono detraibili in dichiarazione dei redditi?

Le pile per protesi acustiche sono detraibili nell’ordine del 19% per spese sanitarie, così come gli apparecchi acustici su cui vengono montate. Per ottenere questa agevolazione, bisogna conservare lo scontrino parlante o la fattura, contenente l’indicazione del prodotto e la specifica del marchio CE, come indicato nella circolare n. 7 del 27 aprile 2018.

#6 - Quante misure di batterie esistono?

Le batterie sono classificate sulla base delle loro dimensioni e della loro durata. In genere contengono una serie di numeri al loro interno, che però non sempre corrispondono in maniera esatta, per cui gli stessi modelli potrebbero contenere numeri diversi. Per questo motivo sono classificate anche con codici standardizzati basati sul colore, a cui tutti i produttori dell’Unione Europea devono attenersi.

Di seguito elenchiamo le misure delle batterie più utilizzate:

  • Batterie modello 10: colore giallo, 5,08mm x 3.05mm
  • Batterie modello 13: colore arancione 7,09mm x 5,04mm
  • Batterie modello 312: colore marrone, 7,09mm x 3,06mm
  • Batteria modello 675: colore blu, 11.06mm x 5.04mm

#7 - Quanto costano?

I prezzi delle batterie dipendono dal modello e dal produttore. Per comodità si usa acquistare pacchetti da 60 pile, in modo da averne sempre una buona scorta: questi pacchi convenienza hanno un prezzo medio che oscilla intorno ai 20€. È anche possibile comprare confezioni da quattro o da sei al costo medio di 3€.

#8 - Esistono le pile ricaricabili?

Esistono modelli di apparecchia acustici con tecnologia ricaricabile, creati appositamente per ridurre la frequenza di sostituzione delle batterie. Questi strumenti utilizzano batterie al litio di ultima generazione e in genere richiedono circa una ricarica al giorno della durata di due ore. Queste batterie si sostituiscono a quelle monouso e hanno il vantaggio di poter essere ricaricate ovunque e di dover essere sostituite dopo circa sei anni, tuttavia non tutti gli apparecchi acustici oggi in commercio sono in grado di supportarle.