Benessere e salute uditiva

Consigli per l’utilizzo degli apparecchi acustici in vacanza

By 22 Giugno 2020 No Comments
Apparecchi acustici in vacanza

Pronti ad organizzare le prossime vacanze estive? Nonostante i timori suscitati dalla recente emergenza Coronavirus, gli italiani in questo periodo stanno progettando le loro meritate settimane di riposo in una località di villeggiatura, dopo mesi di lockdown chiusi in casa. Anche chi soffre di abbassamenti di udito può e deve programmare le proprie vacanze, pur con le dovute accortezze. Ecco allora alcuni consigli per la cura e la manutenzione degli apparecchi acustici in vacanza, da seguire obbligatoriamente se non volete che i vostri dispositivi si danneggino in maniera permanente.

Come proteggere gli apparecchi acustici al mare

Per noi italiani le vacanze estive sono sinonimo di mare, lunghe spiagge dorate e abbronzatura invidiabile. Chi indossa un apparecchio acustico non deve rinunciare a tutto questo, ma deve prestare massima attenzione a dove posiziona la sua protesi e come la conserva. Ecco alcune accortezze da seguire per garantire lunga vita ai vostri dispositivi.

  • Evitate il contatto con la sabbia. Quei piccoli granelli possono insidiarsi all’interno della protesi e danneggiare alcune sue parti in maniera permanente. A ciò si aggiunga che la sabbia è sporca e quindi potrebbe causare infezioni all’orecchio se dovesse entrare nell’apparecchio e poi questo fosse indossato. Non è vietato portare le protesi in spiaggia, l’importante è non toccarle con le mani sporche di sabbia e non riporle nella borsa in cui tenete i teli da mare; meglio conservarli dentro i loro contenitori e utilizzarli solo se necessario.
  • Evitare il contatto con l’acqua e l’umidità. L’umidità è acerrima nemica degli apparecchi acustici, tanto quanto l’acqua. Se poi si tratta di acqua salata, il danno è ancora peggiore: il sale rovina la protesi per sempre e non c’è molto altro da fare per salvarla. Data la totale discrezione e invisibilità di molti apparecchi, è facile dimenticare di indossarli e farsi un bel tuffo a mare, ma questo potrebbe comprometterli a vita. Meglio ricordarsi di toglierlo prima di fare un bagno e riporlo nell’apposito contenitore in dotazione.
  • Non spruzzare spray abbronzanti o protettivi. Si sa che prima di prendere il sole è opportuno proteggere la pelle con le dovute creme protettive, tuttavia queste non devono mai entrare in contatto con l’apparecchio, perché possono rovinarlo, esattamente come la sabbia e il mare. L’ideale è rimuovere l’apparecchio appena si arriva in spiaggia ed eventualmente indossarlo di nuovo solo se strettamente necessario (ad esempio per andare al bar o fare una chiacchierata con gli amici).

Apparecchi acustici in piscina: come proteggerli

Anche chi preferisce la piscina al mare deve fare molta attenzione alla cura dell’apparecchio acustico. Innanzitutto, perché in questi ambienti l’umidità è molto elevata e la vicinanza delle sdraio alla piscina è tale per cui è molto facile essere colpiti da schizzi d’acqua improvvisi. Il consiglio è ancora una volta di conservare la protesi in un contenitore per tutto il periodo in cui state a bordo piscina e indossarlo solo quando vi allontanate dalla zona a rischio.

Inoltre, la piscina è un luogo abbastanza promiscuo, in cui è facile che l’orecchio entri in contatto con batteri e virus pericolosi. Non a caso esiste il cosiddetto “orecchio del nuotatore”, una particolare infiammazione dell’orecchio esterno causata proprio dal contatto con acque contaminate.

Apparecchi acustici in viaggio: come comportarsi

Fino a qualche anno fa, chi indossava un apparecchio acustico aveva alcune limitazioni nella scelta dei viaggi da fare, ma oggi non è più così: non c’è alcun rischio a prendere treni, aerei o fare viaggi in macchina anche se si indossa una protesi. Le uniche accortezze hanno come sempre a che fare con la cura e la manutenzione dell’apparecchio, che deve essere maggiore, dato che ci si trova fuori casa. Ecco alcuni consigli utili per viaggiare in sicurezza.

  • Portare con sé delle batterie di riserva;
  • Non dimenticare il contenitore in dotazione con l’apparecchio;
  • Fare una visita di controllo con l’audioprotesista prima di partire;
  • Tenere addosso l’apparecchio dentro le stazioni e gli aeroporti.