Scopri il tuo udito

Come curare l’acufene da stress

By 3 Ottobre 2019 No Comments
Acufene da stress: come arriva e come curarlo

Abbiamo già parlato di quali sono le principali cause del fastidioso rumore alle orecchie di cui soffrono moltissimi italiani. In pochi però sanno che anche l’acufene può essere determinato anche da momenti di forte stress: in questi casi si parla di acufene da stress. In questo articolo cerchiamo di capire quando si manifesta e come prevenirlo e curarlo.

Cos’è l’acufene da stress

L’acufene si manifesta come una sensazione di sentire un suono nelle orecchie, che però non è percepibile dall’esterno. Questo suono può essere di varia natura: c’è chi sostiene di percepire un fischio, chi sente un ronzio, chi invece addirittura un cinguettio. Anche l’entità del fastidio varia molto da persona a persona, così come le cause che possono indurre questa problematica. L’unico fattore in comune tra chi soffre di acufene riguarda l’incidenza che questa patologia ha sulla loro vita: si tratta infatti di una condizione che crea un forte disagio in chi la vive e per questo è necessario riconoscerne le cause per individuare il rimedio più adatto.

Una delle cause meno conosciute ha a che fare proprio con la qualità della nostra vita: eccessivi livelli di stress possono infatti influire sul sistema nervoso centrale e causare una serie di danni celebrali, che possono avere tra le proprie conseguenze proprio l’insorgere di questo fastidioso ronzìo. Quindi lo stress può essere sia causa che effetto dell’acufene: può provocare il problema, ma anche rappresentare una reazione emotiva comprensibile da parte di chi sente questi rumori. Questa concatenazione di causa-effetto genera un pericoloso circolo vizioso, dal quale bisogna guarire il prima possibile.

Come prevenire l’insorgenza dello stress

La soluzione migliore in questi casi è la prevenzione. Mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato ed evitare forti traumi sicuramente può aiutare ad evitare l’insorgenza del problema; tuttavia ci sono delle situazioni improvvise che possono capitare e di cui non possiamo avere il controllo, così come esistono alcune persone più soggette di altre a subire il peso dello stress. In questi casi specifici si possono mettere in pratica alcuni piccoli accorgimenti nella nostra vita di tutti i giorni che possono alleviare lo stress e d evitare l’insorgenza dell’acufene. Ne abbiamo individuati almeno tre.

Usare integratori a base di magnesio

Recenti studi hanno dimostrato che all’origine dell’acufene da stress ci sarebbe un aumento della produzione del glutammato da parte del cervello, che provoca danni al nervo acustico, generando quel fastidioso suono nelle orecchie. Il magnesio è in grado di inibire il glutammato, pertanto la sua integrazione all’interno di una dieta bilanciata potrebbe rilevarsi molto efficace per alleviare il problema.

Praticare sport

È risaputo che lo sport aiuta ad eliminare le tossine ed ha un effetto positivo sia sul corpo che sulla mente. Non è necessario sottoporsi a lunghe sedute in palestra: possono essere sufficienti anche lunghe passeggiate o alcune sedute di yoga per ritrovare il proprio equilibrio psicofisico e migliorare la propria condizione uditiva.

Consumare fiori di bach

I fiori di bach sono un rimedio naturale basato sulle sostanze energetiche estratte da fiori selvatici, utilizzati per alleviare gli stati di ansia e stress. Possono quindi agire in maniera diretta per sciogliere quei blocchi mentali dovuti ad eventi traumatici e migliorare la condizione psicologica di chi li assume. Sia nel caso del magnesio che dei fiori di bach, è opportuno consultare un medico prima di assumerli, per valutare la reale necessità nel caso specifico.

Come curare l’acufene da stress

Qualora il problema si fosse già manifestato, la prima cosa da fare è prenotare un appuntamento presso un centro specializzato, che potrà individuare la gravità del problema e trovare il rimedio più adatto per alleviare il fastidio. Purtroppo non c’è una cura definitiva per l’acufene, ma una serie di soluzioni personalizzate che possono migliorare la qualità della vita: tra queste la più conosciuta è la terapia del suono, per cui si sottopone il paziente a suoni aggiuntivi, che con il tempo fanno percepire in maniera meno significativa quelli causati dall’acufene. Alcune tipologie di apparecchi acustici sono dotati della tecnologia multiflex tinnitus, che crea uno stimolo sonoro adatto al paziente e gli consente di gestirlo in maniera autonoma, in base alle esigenze del momento.