Audibel informa

5 errori da evitare quando comprate un apparecchio acustico

By 24 Marzo 2020 Settembre 28th, 2020 No Comments
5 errori da evitare quando comprate un apparecchio acustico

State valutando la possibilità di acquistare un apparecchio acustico per risolvere, o quantomeno alleviare, i vostri problemi uditivi? Ottima scelta, questo strumento è adatto alla maggior parte dei casi di acufene e ipoacusia. Attenzione però a non commettere alcune leggerezze molto comuni, che possono costare caro al vostro portafogli e al vostro udito. Di seguito vi elenchiamo i 5 errori più frequenti che si commettono nell’acquisto di un apparecchio acustico, così da guidarvi ad una scelta più consapevole ed efficace.

Lasciarsi condizionare dal prezzo e dall’estetica

In commercio esistono moltissimi modelli di apparecchi acustici, per cui è facile lasciarsi tentare da quello più economico o più bello esteticamente. Tuttavia, questi criteri di valutazione sono del tutto errati, perché non tengono conto dell’elemento più importante: il vostro udito. Da un punto di vista economico, vale la pena valutare di effettuare un acquisto più oneroso all’inizio, se questo significa alleviare un grave problema uditivo e migliorare la qualità della propria vita sociale; da un punto di vista estetico, invece, non è detto che apparecchi acustici invisibili siano adatti a tutti i deficit uditivi, ma teniamo conto che ormai tutte le protesi esistenti sono molto discrete e difficili da notare da un occhio esterno. Non lasciatevi condizionare dal prezzo e dalle dimensioni: l’apparecchio acustico migliore è solo quello più adatto alle vostre reali esigenze uditive.

Scegliere di testa propria

Magari lo avete visto ad un amico, che vi ha detto di essersi trovato molto bene, oppure siete tentati da una promozione pubblicitaria vista in tv… questi e altri esempi sono molto comuni tra le persone che decidono autonomamente di comprare un apparecchio acustico, fidandosi solo del passaparola o delle pubblicità. Niente di più sbagliato! Innanzitutto, una protesi che va bene per una persona non è assolutamente detto che vada bene anche per un’altra: gli apparecchi acustici sono strumenti personalizzati in base allo specifico problema uditivo di ciascuno di noi.

Inoltre bisogna prestare molta attenzione su dove acquistate un apparecchio acustico: quelli comprati in farmacia sono amplificatori acustici, che, come dice la parola stessa, amplificano tutti i suoni, sia quelli deboli che quelli forti, provocando a lungo andare dei gravi danni uditivi. Per fortuna negli ultimi anni è cresciuta la consapevolezza delle persone sulla differenza tra amplificatore e apparecchio, ma ancora oggi c’è chi pensa di risparmiare e ottenere lo stesso risultato facendo di testa propria. Attenzione, con la salute delle orecchie non si scherza!

Rimanere delusi dopo la prima applicazione

Altro grande errore che si commette dopo l’acquisto di un apparecchio acustico è aspettarsi ottimi risultati uditivi già dalla prima applicazione. Le cose non stanno proprio così: il cervello deve abituarsi pian piano a sentire nuovamente i rumori esterni e ci vuole un periodo di adattamento di almeno un mese, affinché si riesca a giovare dei benefici delle protesi. Generalmente, dopo aver regolato la protesi per la prima volta, l’audioprotesista propone un secondo incontro a distanza di poco tempo, proprio per controllare la regolazione e valutare eventuali aggiustamenti, sulla base delle caratteristiche uditive di chi lo ha indossato. Niente fretta insomma, ci vuole un po’ di pazienza per tornare a sentire bene, ma con un buon apparecchio acustico i risultati sono assicurati.

Non fare un’adeguata manutenzione

Avete comprato il vostro apparecchio, lo avete fatto regolare e ora vi ci trovate benissimo. Dopo qualche tempo, però, a vostro giudizio inspiegabilmente, inizia a funzionare male e si rompe. Il motivo? Una mancata manutenzione. Gli apparecchi acustici sono oggetti molto delicati, che si possono guastare per diversi motivi: la causa principale del mancato funzionamento è il cerume, ma anche l’acqua, un uso scorretto delle batterie o un urto accidentale possono causare danni alle protesi. Ecco perché bisogna ricordarsi di pulire gli apparecchi acustici frequentemente, aprire il vano batterie durante la notte e riporli sempre in un luogo fresco e sicuro.

Rivolgersi alle persone sbagliate

Negli ultimi anni sono molto aumentati i centri specializzati in problemi di udito, ma non tutti godono di un’esperienza decennale e di specialisti dell’udito del livello di Audibel. Se avete intenzione di comprare o cambiare apparecchio acustico, il nostro consiglio è di rivolgervi al centro Audibel più vicino a casa vostra, dove troverete professionisti attenti alle vostre esigenze e dove potrete sottoporvi a test dell’udito approfonditi e professionali.

Per maggiori informazioni, prenotate un appuntamento per effettuare un test dell’udito gratuito e provare un apparecchio acustico gratuitamente per 30 giorni.

Prenota ora >>