Anacusia: perdere l’udito da un solo orecchio

L’anacusia è un’ipoacusia monolaterale che può essere congenita o acquisita. Trattata nei casi più gravi mediante l’ausilio di apparecchi acustici, la tempestività nella diagnosi è anche in questo caso fondamentale.

Che cos’è l’Anacusia

Viene definita anacusia, o ipoacusia monolaterale, la perdita dell’udito ad un solo orecchio.
Questa particolare forma di deficit uditivo può essere congenita, e quindi presente sin dalla nascita, o acquisita, come complicanza di un problema verificatosi nel corso della vita.
Nel caso di anacusia congenita la capacità uditiva dell’orecchio coinvolto è nella maggior parte dei casi completamente compromessa, mentre nel caso di ipoacusia acquisita il danno acustico può essere lieve, medio o profondo.

Cause dell’anacusia acquisita

L’anacusia acquisita, nella sua forma più profonda, è un tipo di sordità monolaterale scatenata da un evento che può essere di origine:

  • Infiammatoria, come complicanza di malattie quali ad esempio la meningite, la parotite o il morbillo;
  • vascolare a seguito di un problema che non permette la corretta circolazione di sangue verso l’organo uditivo;
  • tumorale, causata ad esempio da neurinoma acustici;
  • da esposizione continuativa a rumori troppo forti.

Anche nel caso di anacusia possiamo distinguere, come per l’ipoacusia bilaterale, due forme:

  • anacusia trasmissiva, se la sordità è causata da un danno a livello di orecchio esterno o medio;
  • anacusia neurosensoriale, se il danno interessa la coclea o il nervo acustico.

anacusia acquisita
sintomi anacusia

Sintomi dell’anacusia

Le persone che soffrono di anacusia profonda, sia essa congenita o acquisita, manifestano in genere i seguenti sintomi:

  • difficoltà nel comprendere il proprio interlocutore in presenza di rumori di sottofondo;
  • alterazioni nel comprendere i suoni e i rumori ambientali e nel capire da dove provengono.

Come curare l’anacusia

L’anacusia congenita è una condizione permanente e non curabile. Si può però ricorrere a terapie di riabilitazione uditiva mediante il supporto di apparecchi acustici che aiutano la persona che ne soffre a sentire meglio.

Per quanto riguarda l’anacusia acquisita, invece, la tempestività nella diagnosi assume un ruolo centrale.

Identificata la base del problema, infatti, è possibile iniziare una terapia medica adeguata che agisca sulle cause scatenanti (infiammatorie, tumorali, ambientali o vascolari).

Quando la terapia medica si rivela inefficace, si può valutare con lo specialista l’ausilio di un apparecchio acustico.

come curare anacusia

Prenota ora un appuntamento

e un nostro audioprotesista potrà illustrarti la soluzione più adatta alle tue esigenze.